SINEFINIS, SENZA CONFINI E IL VINO CHE UNISCE

TAG Danilo Türk divinopaolini.cin Giorgio Napolitano Gorizia Matiaz Četrtič Nova Goriça Roberto Prinčič sinefinis vino senza confini

Share/Bookmarkdivinopaolini.cin (esatto: .cin…) è un aperitivo, trailer e “olivetta” di un sito che avrebbe dovuto vedere la luce tempo fa e che, frenato da impreviste quanto traumatiche circostanze, torna ora in rampa di lancio, avvalendosi intanto dell’ospitalità affettuosa di Scatti di Gusto, basata sul feeling consonante e i rapporti amichevoli con il suo staff. E nulla esclude, dalla mia parte, che essa possa divenire in futuro una coordinata coabitazione.RIM_2011__1_of_2_srednja.jpg
Giorgio Napolitano con il produttore sloveno Matjaz Četrtič (a destra); in mezzo (il più alto) il presidente sloveno Türk.
Che lingua parla il vino? Se il rumore di fondo di interventi troppo invasivi, ruffiani o mal calibrati non l’ha sovrastata, parla ovviamente la lingua della sua terra. E a corredo, come in un coro intonato, quello della sua, o delle sue uve. La lingua della terra, a sua volta, è indifferente all’umana babele. Se ne frega dei fili spinati, delle sbarre mobili o immobili, delle divisioni daziali e catastali, persino dei titoli di proprietà. Subisce solo, se perpetrati, gli stupri degli inquinamenti e degli sbancamenti, delle cementificazioni selvagge e del prosciugamento delle sue falde vitali. Ecco perché ogni vino che si richiama, per dire la sua, a quel linguaggio essenziale, è fortemente candidato a essere un vino che mi piace: uno di quelli che per me sono (se ben secondati, è ovvio, dalla mano che li fa) i vini giusti. La candidatura diventa poi vistosa se quel vino, per fedeltà alla logica dell’“unica terra” di cui è figlio, ignora senza fare un plissé il particolare che le vigne da cui nasce stiano in due Paesi diversi. Non è un caso unico, specie al confine tra Italia e Slovenia. Ma il Sinefinis (“senza confini”), il vino in questione, è il primo programmaticamente pensato così. E non a caso “inaugurato” con un brindisi tra due capi di Stato, Giorgio Napolitano e Danilo Türk, e i due co-produttori, Roberto Prinčič, San Floriano del Collio, e Matiaz Četrtič di Quisca, Slovenia.gorizia_pallavolo.jpg
Sembra passato un eone, e invece sono in fondo pochi anni da quando una scuola di Nova Goriça e una di Gorizia, in pratica la stessa città, ma recisa allora a metà da una rigida barriera confinaria, giocarono una simbolica partita di pallavolo che aveva per rete un muro di cinta e adottava una regola speciale: niente cambi di campo, perché per farne si sarebbe dovuti schizzare al più vicino varco di confine (3 km), andare “all’estero”, e poi correre a riprendere posto in campo. Ironico sberleffo alle stoltezze umane, e inno all’Ue in corso d’ampliamento, le immagini di quel match fecero il giro d’Europa. Quelle relative al gioco sfizioso del Sinefinis, sbarcato in Quirinale durante la visita a Roma del Presidente sloveno come calice dell’amicizia tra i due Paesi, paiono chiudere al meglio la parabola avviata allora.

Fosse solo simbolica ed edificante, però, la storia dello spumante sovranazionale (un metodo classico, 18 mesi sui lieviti e 100% Rebula, alias Ribolla, l’uva più autoctona – perdonate la forzatura logico/lessicale – della sua area) ci interesserebbe, ma fino a un certo punto. Qui si parla e si parlerà essenzialmente di vino in quanto tale. Ma proprio in questo contesto il Sinefinis è un caso esemplare. E aiuta a capire.RIM_R_M_N_mala.jpg

La terra da vino parla, dicevo su, un suo linguaggio. Decodificabile attraverso la zonazione: un insieme di esami e comparazioni in cui prevalgono gli aspetti pedologici e pedoclimatici (per eventuali irriducibili bungabungers & fan: parliamo di suolo, non di feticismo né di concupiscenza su minori), e che schiude ai vitivinicoltori consapevoli e ai loro consorzi porte preziose di consapevolezza.
Che il Collio/Brda (in italiano e in sloveno) sia di qua e di là del confine un’unica superba, coesa zona da vino, lo sanno da sempre i produttori locali. In primis gli italiani più accorti e fortunati, da sempre muniti di vigne “di là” (anche quando era un’arrampicarsi sugli specchi e ci si scambiava uve da un’apetta carica a una scarica ai due lati della sbarra di confine pedonale riservata ai “residenti”).

RIM_2011__1_of_3_mala.jpgA sinistra il produttore italiano Robert Prinčič, in centro Matjaz Četrtič e a destra il presidente sloveno Türk
Oggi che la logica europea ci rende (ancora in parte, ma sempre più) concittadini e consociati, e dopo che l’esperienza dei vecchi vinnaioli del Collio è stata confermata da ogni studio, il messaggio del Sinefinis è trisvalido: ricorda che il vino è terroir nella sostanza, al di là di come esso sia formalmente spartito; riafferma che fare insieme è mille volte meglio che fare contro; ed entra in pieno nel nuovo mood legato alle regole comunitarie: nell’Unione infatti una coerente regione transnazionale, con parametri comuni di sviluppo, vanta, proprio perché nel “drive” unitario giusto, più titoli di tangibile credito europeo di qualsiasi interessato, gretto localismo e di qualsiasi gelosa quanto asfittica riproposizione di presunte eredità post celtiche, cimbriche o anticoromane, di cui frega qualcosa solo a politici populisti a caccia di consensi dalla parte meno produttiva della popolazione: i fessi). Lezione tanto più attuale e preziosa, nel proliferare delle une e degli altri: è di giorni il parto, da noi, di due nuove mini Doc, Villamagna, il cui nome è quello di un Comune chietino di 2.500 abitanti, e Ortona, ancora Abruzzo, ridente località balneare, aggiuntesi al già nutritissimo Risiko delle Dop all’italiana: nessun preconcetto, per carità, tanto più da parte d’un abruzzese; ma siamo davvero certi che sia questa la strada? Esperienze pregresse e numerose non parrebbero così incoraggianti.

Il Sinefinis, figlio legittimo del Collio/Brda, è lì a proporsi come termine di paragone dialettico, nella sua coerenza di vino di territorio, ma dalla vista ampia e lunga: antica nelle radici, moderna nelle implicazioni.

Lo fa, nel bicchiere, con un paglierino dai riflessi erbacei, un naso che parla presto di pesca e di frutta gialla, ma anche di pane e erbe fini. E con un gusto fresco, nitido, ravvivato da una bolla di dimensioni e fittezza giuste, e da un finale asciutto, sapido, di nuovo ben condito di erbe e agrumi, e appena gradevolmente amarognolo, con il risultato di una gustosa lunghezza. Secondo i parametri di Scatti, che mi ospita, e che dunque omaggio ricambiando la cortesia, merita di slancio l’ambita onorificenza del Secchio. Se un limite, minimo, è da annotare, è il desiderio residuo di una minima complessità ulteriore. Centrabile forse allungando i tempi di contatto con i lieviti. Del resto, si sa, fare ancor meglio, per tutti, è una di quelle chance che non hanno confini…

 Divinopaolini.cin

 

Rosé

Attualmente disponibile l'annata 2014.

rose
Legi di piu

Read more

SINEFINIS, SENZA CONFINI E IL VINO CHE UNISCE

Divinopaolini.cin DI Antonio Paolini - CANALE Scatti di vino

Read more


NAPOLITANO E TÜRK BRINDERANO CON IL REBOLIUM

Fonte: Il Piccolo Gorizia, 14.Gen 2011
Testo: Stefano Cosma
Debutto romano di grande prestigio per lo spumante prodotto a cavallo del Collio

Read more


NI PREVODA

Kaj: Degustacija penine Rebolium Sinefinis skupaj z vini Ferdinand ter fingerfood restavracije Salon.

Kdaj: Torek 21.09.2010 od 17-20h

SINEFINIS, IL BRUT CHE NASCE SU UN COLLIO SENZA FRONTIERE

Fonte: Il Piccolo Gorizia, 2 Giu 2010
Testo: Stefano Cosma

Read more


NI PREVODA

Vir: Primorske novice
Brike v mestu - Women&Wine Slovenija   
Ljubljana, grajska kavarna Goodlife, četrtek, 26. avgust 2010, 19.30 do 24.00 


NI PREVODA

Vir: 24ur.com

Slovenci in Italijani združeni v žlahtni kapljici
Brda so sedaj eno! 


SINEFINIS AL VINITALY 2010

Ci siamo presentati con successo al Vinitaly 2010 a Verona. Quest’anno i visitatori sono stati più di 152.000, di cui 45.000 esperti del settore vinicolo. Molti si sono fermati al nostro stand e sono rimasti positivamente colpiti dalle nostre nuove bollicine.

Read more

SINEFINIS, BOLLICINE SENZA CONFINI

Fonte: Le monde diplomatique
Testo: Stefano Cosma
Robert Prinčič, Collio - Italija & Matjaž Četrtič, Brda- Slovenia creano Rebolium Sinefinis, bollicine senza confini

Read more


NI PREVODA

Vir: Dnevnik.si, sobota, 05.06.2010
Tekst:Vanja Alič
Ob italijanskem praznovanju in odprtju razstave Razum in sentiment je v Narodni galeriji potekal spoznavni večer s slovensko-italijansko penino Rebolium Sinefinis - brezmejna rebula


 
 

Rebolioum

La bollicina Rebolium – uno dei nomi medievali della Ribolla, varietà autoctona da cui è ottenuta - è spumantizzata con metodo classico e affinata sui lieviti per 18 mesi. Le piccole bollicine, che donano al nostro vino un fine perlage, persistono nel bicchiere per lungo tempo. All’olfatto si sente l’uva raccolta con una maturazione ideale e una nota leggera di lieviti, mentre il retrogusto è piacevole e lungo. Lo spumante Rebolium - Sinefinis è delicato e raffinato, ma di carattere. Adatto per gli aperitivi, può essere abbinato anche al pesce, alle carni bianche, ai formaggi freschi o semplicemente bevuto in compagnia.

 

La storia

 

Quelle meravigliose e generose colline che in sloveno sono chiamate Brda e in italiano Collio, ma anche Cuej in friulano, den Ecken in tedesco e Bricceria in alcuni scritti goriziani del 18° secolo, hanno visto succedersi nei millenni molti feudatari, dai Patriarchi di Aquileia ai Conti di Gorizia, come pure diversi sovrani, dagli Asburgo a Napoleone, al Regno d’Italia, ma sono rimaste sempre unite. Con il trattato di Parigi nel 1947, invece, questo territorio è stato diviso da un confine di Stato: una parte è stata assegnata alla ex Jugoslavia, una invece alla Repubblica Italiana. Una frontiera che ha provocato danni irreparabili agli abitanti, dividendo famiglie e vigneti. Inizia così la storia dei due terreni vinicoli: Brda slovena e Collio italiano. Non molto tempo fa, grazie ad una ritrovata unità sotto la bandiera comune dell’Europa e ad una armonia legislativa imposta dalla Commissione Europea, i due territori sono stati classificati entrambi come “zona C2”, dando ai vitivinicoltori l’opportunità di produrre vini con uve raccolte sia dai filari sloveni che da quelli italiani del Collio/Brda.

Robert Prinčič da Giasbana, San Floriano del Collio (Italia) e Matjaž Četrtič da Kojsko (Slovenia), due giovani produttori, hanno unito le loro forze e le loro capacità agronomiche e commerciali, nonché il duro lavoro, in un progetto comune. Brda e Collio sono così diventati di nuovo un tutt'uno con l'aiuto delle rispettive aziende:  Gradis'ciutta – www.gradisciutta.com e Ferdinand – www.ferdinand.si e con il vitigno autoctono per eccelenza, la Ribolla Gialla/Rumena Rebula. Alcuni anni prima questi due giovani artigiani del vino avevano perfezionato le loro conoscenze ed affinato le tecniche di mercato con il postdiploma alla MBA – Master in wine business – gestito dal Mib di Tieste. Il loro pensiero comune ha portato alla nascita di un unico e ottimo prodotto: Rebolium – Sinefinis, bollicine senza confini né ostacoli.

 

Rumena rebula in Ribolla gialla

V Brdih je bila rebula od vedno gojena in cenjena sorta. Pričevanja o sorti izhajajo že iz srednjega veka, prav tako kot ime Rebolium. Rebula je skozi stoletja ostala edina sorta, ki se je ohranila v zapisih in zapisi »unite principate contee di Gorizia e Gradisca« iz 18. stoletja, ki navajajo klasifikacijo področij, ki so primerna za gojenje rebule, omenjata dve vasi, ...

 

 
 
VINOGRADI REBULE
VINOGRADI REBULE
Image Detail Image Download
GROZDJE REBULE
GROZDJE REBULE
Image Detail Image Download
PUPITRE
PUPITRE
Image Detail Image Download
PUPITRE
PUPITRE
Image Detail Image Download
MATJAŽ IN ROBERT
MATJAŽ IN ROBERT
Image Detail Image Download
sinefinis_1
sinefinis_1
Image Detail Image Download
sinefinis_flaska_z_vrha
sinefinis_flaska_z_vrha
Image Detail Image Download
darilna_skatla_web
darilna_skatla_web
Image Detail Image Download
skatlaflaska_web
skatlaflaska_web
Image Detail Image Download
skatla6_web
skatla6_web
Image Detail Image Download
zamasek
zamasek
Image Detail Image Download
SPREDNJA ETIKETA
SPREDNJA ETIKETA
Image Detail Image Download
RETRO ETIKETA
RETRO ETIKETA
Image Detail Image Download
PANO
PANO
Image Detail Image Download
NAPOLITANO,TURK, ČETRTIČ
NAPOLITANO,TURK, ČETRTIČ
Image Detail Image Download
rim_r_m_n
rim_r_m_n
Image Detail Image Download
DR. DANILO TURK, ROBERT PRINČIČ, MATJAŽ ČETRTIČ
DR. DANILO TURK, ROBERT PRINČIČ, MATJAŽ ČETRTIČ
Image Detail Image Download
IT. VELEPOSLANIK G.PIETROMARCHI
IT. VELEPOSLANIK G.PIETROMARCHI
Image Detail Image Download
MIN. MAJDA ŠIRCA
MIN. MAJDA ŠIRCA
Image Detail Image Download
IRYNA OSYPENKO
IRYNA OSYPENKO
Image Detail Image Download
R&M TER BOLJŠI POLOVICI
R&M TER BOLJŠI POLOVICI
Image Detail Image Download
NARODNA GALERIJA
NARODNA GALERIJA
Image Detail Image Download
ŽUPANI NA DOBROVEM
ŽUPANI NA DOBROVEM
Image Detail Image Download
MIN. HENRIK GJERKEŠ
MIN. HENRIK GJERKEŠ
Image Detail Image Download
PREDSTAVITEV NA DOBROVEM
PREDSTAVITEV NA DOBROVEM
Image Detail Image Download
ANDREJA ERZETIČ SLOVENSKA VINSKA KRALJICA 2010
ANDREJA ERZETIČ SLOVENSKA VINSKA KRALJICA 2010
Image Detail Image Download
 
 

Contatti

 

 
Mi potete inviare le notizie di novita nella vostra locanda
 

   
  
 
 

 

X

Our website uses cookies. This improves your online experience and we can constantly improve the content. Cookies are small text files, which our page installs on your PC, table, Smartphone or other device. They store your settings, allow integration with social networks and allow us to conduct analysis of visits, so we can constantly improve the content of this site and of course our services and products.
 
Although our cookies do not interfere with your privacy, we kindly ask you to allow us to use cookies on your PC or other device.
 
 
A list of our cookies
name: __utma, __utmb, __utmc, __utmv, __utmz
purpose: Statistics page views, Google analytics
owner: Google Inc.

name: jfcookie [Lang]
purpose: The site remembers your preferred language
owner: our company

name: NID, SNID, PREF

purpose: to show the location of our company on Google Maps
owner: Google Inc.





Messaggio
  • Naša spletna stran uporablja piškotke. Vam omogočajo boljše delovanje strani, nam pa stalno izboljšavo vsebin.
    Ali se strinjate z uporabo piškotkov na naši strani?
    Želim izvedeti več